Blog

Bath, Inghilterra : cosa vedere e visitare?

Vacanze studio in Inghilterra: conosci la bellissima Bath?

Bath è una cittadina storica, che vanta un'architettura monumentale,  degna di essere  patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, ed una posizione invidiabile nel Sud dell'nghilterra.

E' una meta turistica, grazie all'urbanistica molto particolare e soprattutto alle terme romane, che oggi sono ancora quasi intatte: BATH, i bagni,  da cui trae il suo nome.

Il viavai di turisti la rende una cittadina frizzante, con un'agenda densa di appuntamenti: concerti, mostre, spettacoli.

Vi si trovano caffè e ristoranti, una  vivace area cittadina densa di negozi, ma anche la tranquillità dei parchi e vari interessanti musei. Senza naturalmente menzionare gli stabilimenti termali, ed i trattamenti SPA tuttora attivi, che attirano visitatori dalle aree circostanti e non solo.

Una vacanza studio a Bath è un buon compromesso per coloro i quali vogliono trarre il massimo dal proprio soggiorno : noi offriamo qui i corsi intensivi per adulti con la formula individuale che vi consente di vivere a contatto con madrelingua inglesi (facendo il corso di inglese privato a domicilio, vivendo con la famiglia ospitante nella quale troverete coetanei inglesi che condividono la vostra età ed interessi), ma approfittando anche delle distrazioni che una città turistica e animata può offrire.

 

Jane Austen centre

Jane Austen è stata la cittadina più nota di Bath. Quale ragazza non ha amato i suoi romanzi? E anche chi non ha letto Pride and Prejudice, comunque la conosce perchè chi di noi non ha seguito le vicende di Bridget Jones, ovvero della versione moderna ed un pochino imbranmata delle severe eroine romantiche scaturite dalla penna della Austen.

In questo centro troverete non solo gli antichi manoscritti e gli oggetti appartenuti alla scrittrice, ma anche uno spaccato del suo mondo, illustrato in modo ironico e competente dalle guide.

 L'attrazione più turistica è la sala da tè "in stile", un vero tuffo nel passato, con eccellente vista sulla città e otttimi dolci.

E' anche possibile prenotare un tour della città alla volta delle case dove abitò la scrittrice e dove vissero le sue eroine.

Ma Jane Austen a Bath è una vera istituzione vivente: guardate il video della promenade in costume, che ogni anni ha luogo nelle vie della cittadina, ovviamnete in costume regency. Ogni anno si organizza la cena ed il ballo presso le Assembly Rooms della città, con appassionati provenienti da tutta l'Inghilterra. Questa è solo una delle manifestazioni del Jane Austen Festival, che si tiene ogni anno nella città natale della grande scrittrice, e che dura ben 10 giorni.

Bath Abbey

L'abbazia di Bath, o Chiesa di San Pietro, fu fondata nel VII secolo, è di stile gotico  e le sue dimensioni sono imponenti: può arrivare ad ospitare oltre 1200 fedeli.

Si dice che la fondazione della chiesa avvenne sulle rovine di un precedente tempio pagano, probabilmente sulle ceneri di un antico tempio pagano . Oggi il suo stile è composito, esito delle varie opere di ristrutturazione che si sono succedute nei secoli.

Particolarmente notevole è il soffitto, che forse ricorderà ad alcuni gli ambienti del Film di Harry Potter: i fregi armoniosi di marmo bianco, a forma di ventaglio,  ricordano le sale di Oxford nelle quali il film è stato girato. Alcuni dettagli ricordano invece Westmister Abbey, incluso le monumentali sepolture che vi si trovano. jane Austen non è seppellita qui, curiosamente, ma a Winchester, cittadina dove ha vissuto per 8 anni e nella quale è morta. Notevoli sono il museo, l'organo ed il coro intagliato.

 

Pulteney Bridge

 

Questo ponte che solca il fiume Avon prende il nome dall'architetto che lo progettò nel 1767.

Frances Pulteney era un appassionato di Italia e conosceva bene sia il Ponte Vecchio di Firenze che il Ponte Rialto di Venezia: due icone che erano nella sua mente quando portò avanti il progetto di questo ponte "con i negozi".

Allora Bath era ancora una città quasi rurale ed ancora non aveva la maestosità neoclassica che avrebbe conosciuto succesivamente, ma il progetto del ponte era ambizioso e si ispirava esplicitamente ad un progetto che Palladio aveva presentato (ed era stato rigettato) per il Ponte Rialto di Venezia.

Tuttavia, il progetto fu parzialmente stravolto: 20 anni dopo essere stato costruito, per motivi pratici parte fu demolita e ricostruito: le due parti tuttora non combaciano con armonia. Il Ponte restra quindi un'opera composita, che nel secolo scorso divenne monumento nazionale e restaurato, in modo da portare alla luce almeno parzialmente l'antico e maestoso progetto originario. Oggi è zona pedonale.

Se amate il fiume, vi consigliamo di fare una gita in bicicletta lungo la pista che lo costeggia.Potete infatti ripercorrere su facili sentieri immersi nel verde il fiume Avon e il canale Kennett, incontrando uccelli rari nel loro habitat, graziose cittadine, ville storiche, e naturalmente ammirando la dolce campagna inglese. La passeggiata prevede 20 miglia di cammino, ma insieme alla vostra guida personalizzata di madrelingua inglese  potete rilassarvi e sentirvi liberi di esplorare al vostro ritmo. 

 Le terme romane

 

Le terme romane di Bath furono sotto Vespasiano, nel 75 d.C. La natura termale della città era talmente evidente che si chiamava Aquae Sulis, per via delle numerosissime fonti di acqua calda, che scaturisce dal terreno ad una temperatura che oscilla tra i 60 e i 90 gradi, ricca di svatiatio minerali. Le acque tremali di Bath e i suoi stabilimenti erano famosi in tutto l'Impero e frequentatissime.

Nel segno del sincretismo romano, il complesso termale, dedicato a Minerva, custodiva anche un tempio dedicato alla dea celtica dell'acqua (Sulis), la cui figura era assimilata a quella della dea romana. Cadute in rovina dopo la caduta della città nelle mani dei Sassoni, le terme sono rinate nel XVIII secolo.

Oggi il museo raccoglie una enorme quantità di ornamenti e suppellettili romani, che si sono conservati nei fanghi che si sono creati dopo l'abbandono dell'edificio termale a causa della mancata manutenzione delle piscine.

 

Royal Crescent e King's Circus

La bellissima architettura georgiana di Bath ha nel Royal Crescent forse la forma più nota: si tratta di un grande complesso residenziale, edificato tra il 1767 e ilo 7774 dall'architetto John Wood il giovane, che si sviluppa nella caratteristica forma di mezzaluna. Si dice che in realtà la forma e le varie caratteristiche dell'edificio siano simboli massonici: la mezzaluna in realtà sta per il simbolo soleil-luna.

Fu costruito poco dopo l'alttro grande complesso residenziale King's Ring, progettato dal padre John Wood il vecchio: in questo caso la forma è circolare (King's Circus).


 

 Costwolds

Si definiscono "Costwolds" un gruppo di colline, che conservano una fisionomia perticolare e rappresentano un paesaggio unico nel Regno Unito, riconosciuto come zona di eccezionale bellezza e patrimonio da presenrvare dall'UNESCO.

Nella campagna incontaminata, si ergono castelli medievali, villaggi interamente costituiti da costruzioni del XIII- XV secolo, con una tipica architettura campestre povera ma poetica, immersi ancora oggi in un'irreale pace campestre.

Qui nacque Jane Austen, ed il tempo sembra indugiare ancora nei secoli passati, sospeso tra realtà e magia (questa è l'area dei folletti tanto tipica delle favole inglesi e anche i nomi delle cittadine evocano atmosfere mistiche e fiabesche). Scoprire questo territorio con una guida esperta, di madrelingua inglese, che sappia farvene assaporare l'unicità, è un'opportunità preziosa per portarvi a casa un ricordo indelebile.

Vi interessa Bath? Perchè non approfittare di visitarla e imparare l'inglese?

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.