Blog

Migliorare la pronuncia dell'inglese

 
Migliorare la pronuncia dell'inglese

Buone pratiche per insegnare la pronuncia dell'inglese

Per noi italiani la pronuncia dell'inglese è difficile, perché' il nostro sistema fonetico è assai diverso. ne abbiamo parlato in questo articolo: le vocali ed il ritmo dell'inglese sono veramente diverse.

Stiamo lavorando ai nostri innovativi materiali didattici e ci siamo interrogati su come è possibile aiutare i bambini italiani a sviluppare una pronuncia migliore.

Ecco 3 suggerimenti : si tratta di implementazioni che abbiamo incluso nel nostro Holiday pack e che sarà in tutti i materiali didattici si open Minds, ma condividiamo con voi questi consigli perché crediamo che possano essere utili ad ogni genitore ed insegnante:

  • Importanza del labiale: i bambini piccoli quando imparano la lingua madre focalizzano la loro attenzione sul viso del caregiver, e sono particolarmente attratti dal movimento delle labbra. Il piccolo, ma potente cervello di un cucciolo di uomo, memorizza inconsapevolmente gli schemi motori che vede e, con l'esposizione continua, associa i movimenti della bocca con i suoni che sente. Per questo nei nostri materiali, oltre all'audio, mettiamo spesso i video. Sono molto più' attraenti, perché siamo programmati per osservare il labiale ed imparare da esso.  In alcuni video abbiamo pensato di concentrare l'attenzione dei bambini proprio sul movimento delle labbra mettendo dei video della bocca in  primo piano che parla. Lo troveranno divertente, non si distrarranno guardando altri dettagli del video. Questa scelta vuole provare a ricalcare ciò che naturalmente i bimbi piccoli fanno: focalizzarsi sull'area in movimento del viso e da qui imparare gli schemi articolatori.

  • Importanza del ritmo. Il ritmo in una lingua è quasi tutto. Ogni lingua ha u  ritmo diverso. Anche se non ce ne rendiamo conto, il nostro cervello è sintonizzato sul ritmo della lingua madre e per tutti noi è assai difficile replicare il ritmo di una altra lingua. fare dei traini g ritmici sembra essere correlato con un miglioramento di alcune prestazioni linguistiche. Open Minds, in collaborazione con l'Università Bicocca di Milano, sta curando una ricerca scientifica sulle metodologie innovative per insegnare ed imparare l'inglese ed una di queste ricerche  verte proprio su questo. Semplici esercizi di velocità e ritmo sono molto utili e ai bambini piacciono: guardate questo video di Melissa!

  • Importanza di associare stimoli multisensoriali: quando la medesima informazione viene veicolata tramite più sensi, ovvero con uno stimolo contemporaneamente musicale, visivo e motorio, l'informazione ha molte più possibilità di essere impressa. E' anche piacevole per i bambini (e sappiamo che i bambini provano piacere nel fare ciò che il cervello trova stimoli utili), pensate alla baby dance...sbaglio o la fanno volentieri ed imparano la parole facilmente? La baby dance è un esempio perfetto di stimolo multisensoriale. Guardate questo video di Chiara e Morgan.

Per imparare l'inglese con efficacia sono necessari degli sforzi costanti. La multisensorialità premia sempre, per questo ti diamo i consigli che puoi trovare in questo video:

  • LEGGI IN INGLESE : siti internet, giornali, libri
  • LEGGI ASCOLTANDO: Leggi ad alta voce e se puoi registrati ed ascoltati. Usa audiolibri Leggi le lyrics delle canzoni e usa i karaoke.
  • SCRIVI: è un grande aiuto per mettere assieme le frasi. Se sei ordinato, appunta le nuove parole su una rubrica e ogni tanto sfogliala.
  • PARLA: formare frasi sarà via via più' semplice mano a mano che ti eserciti.

Spero che questi consigli vi siano utili?

Se vi piacciono le nostre idee, che cosa potete fare?

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy .

;