Blog

CLIL e inclusività: come aiutare i bambini a capire in inglese

 
CLIL e scaffolding: il CLIL inclusivo

Inclusività e CLIL: la strutturazione della lingua e dei contenuti

 

Il CLIL è difficile? Il CLIL è inclusivo?

La domanda è lecita, infatti è una domanda molto frequentemente che viene posta sul CLIL.

Se già la lezione di lingua straniera è considerata spesso ostica per i soggetti con DSA e BES, quanto più difficile può risultare una classe di contenuti disciplinari trasmetti in inglese come lingua curricolare. A guardarla da questa angolatura potrebbe sembrare che il CLIL sia estremamente poco inclusivo, anzi "escludente" ed inutilmente complicato.

Tuttavia, esiste un aspetto del CLIL che invece rende questi progetti adatti ad includere anche i soggetti con difficoltà di apprendimento di vario genere, ed è l'enfasi sui processi cognitivi. L'apprendimento , in cui certo senso, è il terzo protagonista del CLIL, assieme alla "lingua" e al "contenuto".

Sei un insegnante di inglese ? Sai che i nostri corsi di aggiornamento per docenti sono acquistabili con la carta docente? Clicca qui per chiedere informazioni!

Quando è stata coniata questa metodologia, infatti, si è partiti da anni di ricerca sulle scuole nei contesti bilingui, alla caccia degli elementi che distinguevano le esperienze di successo da quelle che non avevano prodotto i risultati sperati.

Non tutti gli insegnamenti disciplinari in lingua veicolare, o in immersione, funzionano alla stessa maniera. Si è riscontrato che ciò che fa la differenza è il grado di strutturazione. Piuì l'immersione è mediata da strategie di esposizione, consolidamento e organizzazione del contenuto valide ed inclusive, migliore è l'effetto.

Il linguistia e teorico della Second Language Acquisition Theory Stephen Krashen ci ha spiegato bene il perchè: non apprendiamo ciò che non capiamo. Semplicemente esporre i bambini o ragazzi ad una lingua straniera senza fare in modo che il contenuto sia chiaro, non contribuisce efficientemente al miglioramento delle competenze linguistiche.

Gli studenti imparano e memorizzano ciò che capiscono.

Quindi , tanto piu' l'insegnamento si avvale di strumenti che permettano la comprensione , tanto migliore sarà il progetto ed il risultato finale.

Scaffolding: cos'è?

Lo scaffolding in inglese è l'impalcatura, la struttura esterna di una costruzione. Il suo significato metaforico: definiamo "scaffolding" tutto ciò che facilita lo studente nel suo compito di apprendimento e acquisizione.

L'aiuto del docente-mediatore, per,mette allo studente di migliorare la proprie competenze, non solo in ottica della singola prestazione, ma con una ricaduta positiva a lungo termine. Naturalmente, l'intervento di aiuto deve essere progettato avendo in mente le potenzialità del bambino (zona di sviluppo prossimale).

Nel CLIL lo scaffolding può agire sia a livello linguistico che a livello contenutistico che a livello di strategie: ecco alcuni esempi

  • Scaffolding linguistico (verbal sacffolding): se il problema è la mancanza di linguaggio accademico/settoriale di materia in LS, possiamo definire "scaffolding" vari aiuti come glossari, dizionari visuali, realia etc, ma anche i giochi ed esercizi di matching per permettono agli allievi di imparare e consolidare il linguaggio specifico  necessario per affrontare una unità CLIL
  • Scaffolding contenutistico (content scaffolding): se il problema è una lacuna di tipo contenutistico, possiamo definire scaffolding i riassunti, le mappe mentali, tabelle o altri supporti dove l'allievo può trovare facilmente le informazioni di cui necessita per arrivare alla comprensione del contenuto previsto dalla unità
  • Scaffolding nella gestione dell'apprendimento (learning process scaffolding): ogni supporto/strategia o strumento pensato per aiutare il bambino nel "ragionamento" o apprendimento delle nozioni può essere chiamato scaffolding. Per esempio, semplificare le opzioni o guidare i passi logici o suggerire strategie per individuare nel testo le informazioni .importanti, ma anche offrire sostegno emotivo

In questo video trovate delle utilissime strategie inclusive che DEVONO essere messe in pratica nella lezione CLIL


Qui parliamo di CLIL e attivazione

CLIL e Warm Cognition

perchè è cosi importante sottolineare la necessità di attuare ed attivare accorgimenti di strutturazione e aiuto? Perché è dimostrato che le emozioni influiscono in modo sostanziale nei processi di apprendimento.

Un bambino che sperimenta un senso di efficacia e soddisfazione durante l'apprendimento, tenderà a volere ripetere questa esperienza. Si sentirà piuì contento, sereno, motivato e meno preoccupato in classe. L'agitazione, la paura di essere giudicati attivano una serie di difese (anche a livello ormonale) che interferiscono con i processi di apprendimento: bisogna assolutamente evitare che si alzino "i filtri affettivi".

Il CLIL e la sua enfasi sul "learning by doing" permette di creare esperienze laboratoriali, creative e anche ludiche come motorie di un apprendimento inclusivo. Si tratta di una ottima opportunità per instaurare in classe un clima "alternativo" alla solita lezione, nel quale anche gli individui più' fragili si sentano meno esposti alla possibilità di sbagliare.


 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy .

;