Blog

Parti del corpo in inglese

Come insegnare in inglese le parti del corpo ai bambini facendoli divertire

Giocando si impara ed è proprio vero quando si tratta di insegnare le parti del corpo in inglese ai bambini. Sono un tirocinante presso la scuola open-minds di Milano e da alcuni giorni ho avuto il piacere di seguire alcuni degli insegnanti in diverse scuole primarie e secondarie della città.

Ciò che mi ha colpito di più in questi giorni è stata la risposta dei bambini in classe: tutti erano attenti e cercavano di partecipare. Con un metodo didattico coinvolgente i bambini non solo impareranno dei termini ed espressioni inglesi nuovi, ma si divertiranno anche.

Ecco cosa abbiamo provato a fare durante le lezioni per insegnare ai bambini le parti del corpo in inglese:

  • Introduci ai bambini l’argomento spiegando di cosa parlerete. Se alcuni bambini sembrano confusi, prova a scrivere sulla lavagna il titolo della lezione. Una volta introdotto l’argomento, passa alla spiegazione.
  • Utilizzando le flashcards con le parti del corpo, mostra alla classe ciò che hai in mano e chiedi di pronunciarlo in inglese. Se non lo sanno, dillo e fallo ripetere: in questo modo imparano nuovi vocaboli! In classe ho provato a far scrivere i vocaboli ai bambini sul loro quaderno in modo tale che se li ricordassero: alcuni avranno difficoltà a scrivere in inglese essendo molto piccoli, ma ci riusciranno se aiutati dall’insegnante o anche dai compagni.

Dopo aver usato le flashcards balla insieme ai bambini la canzone “Head, Shoulder, Knees and Toes”. Ballando e cantando, i bambini non solo impareranno nuovi vocaboli, ma si divertiranno con i loro compagni.

Insegnare inglese ai bambini: sempre pronto il piano B

Durante le varie lezioni a cui ho assistito è capitato che alcuni bambini non volessero cantare e ballare la canzone. Niente panico! Se alcuni bambini si dimostrano disinteressati è normale e ci sono diverse alternative per insegnare le parti del corpo in inglese.

Se hanno già sentito la canzone e non vogliono ascoltarla, prova con “Simon says”. Mettiti davanti alla classe e fai alzare tutti in piedi. Fai dire ad un bambino “Simon says: Stand up!” oppure “Simon says: jump!” e falli alzare tutti in piedi e svolgere l’azione. Continua cosi chiamando più bambini.

 Se sembrano stanchi, vi sedete e fai ripetere ai bambini le parti del corpo che hanno imparato con le flashcards e con la canzone. In questo modo i bambini riescono a rilassarsi dopo l’attività fisica ma nel mentre fissano i concetti. Una volta finito, passa all’ultima attività della lezione.

Gioca al “mime game” con i bambini: in classe ho chiamato un bambino alla volta alla cattedra e ho suggerito delle parti del corpo che potevano far indovinare ai compagni. Una volta mimati, chiama un bambino o una bambina e se indovinerà, chiamalo alla cattedra. Alcuni esempi delle lezioni da mimare possono essere: “Stand your right arm!" ("Alza il braccio destro") oppure “Point at your legs” ("indica le gambe") o ancora "Touch your hair" ("Tocca i capelli") . Durante le lezioni molte volte i bambini non sapevano cosa stessi suggerendo: prova a farlo capire con altre parole o gesti senza che gli altri compagni ti vedano.

In alternativa ai giochi prima proposti puoi provare anche a far disegnare su un rotolo di carta la sagoma dei bambini. Metti i bambini a coppie: uno di loro si sdraierà sul foglio mentre l’altro traccerà la sagoma. Una volta finito fai disegnare ai bambini i dettagli del loro corpo: fai tracciare tutte le parti del corpo che avete imparato nella lezione.

In questi giorni ho notato come per i più piccoli sia importante imparare cose nuove attraverso il gioco: è una tecnica efficace perché permette di divertire e far imparare cose nuove!

Se vuoi altri consigli su come insegnare inglese ai bambini o se sei interessato a seguire dei corsi di inglese tenuti da madrelingua visita il nostro blog: è pieno di idee creative!

corsi di inglese per bambini
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.