Blog

Imparare a leggere in inglese: tecniche multisensoriali per facilitare la lettura

Scomporre le parole, imparare prefissi e suffissi comuni: 5 strategie per facilitare la lettura e la pronuncia in inglese

In questo articolo parliamo ancora di alcuni degli argomenti che affronteremo nell'ambito del corso di formazione di giugno 2019, dedicato alle tecniche di insegnamento inclusivo dell'inglese.

Il programma del corso è suddiviso in 2 parti

Il corso è erogato presso le seguenti sedi

ICS1 SAN BONIFACIO (Verona)- 18, 29, 20 Giugno

ICS GALVANI (Via Galvani 7 Milano, 20124 Milano , MM2/3 CENTRALE) - 26, 27, 28 Giugno 2019

Abbiamo deciso di includere la tematica della inclusività e della sensorialità in un unico percorso perchè la multisensorialità e massimamente inclusiva, anzi direi che è davvero uno dei punti salienti della inclusività. Eì importante riconoscere il fatto che dietro a tanti disturbi dell'apprendimento ci siano problematiche di processazione e integrazione sensoriale, e venire incontro a questi bambini :

  • con un setting piu neutro e rispettoso dal punto di vista sensoriale (aule silenziose, luminose, ordinate, libri con una grafica pulita, ariosa, univoca...)
  • con attività stimolanti ma rispettose della sensorialità, nei quali i bambini possano trovare integrati stimoli riferiti a diversi sistemi sensoriali, ma senza confusione

Tecniche multisensoriali per aiutare i bambini a leggere

Leggere in inglese è difficile e quindi è necessario che i libri e le attività pensate per promuovere la lettura siano il piu' strategiche possibili. In questo articolo parliamo di 5 accorgimenti che faciliteranno tutti i bambini che devono cimentarsi con il non facile compito di leggere in inglese.

  1. Inizia con i monosillabi e le parole trasparenti: è vero che la fonetica inglese è complessa ed opaca, ma non tutte le parole lo sono! Alcune parole sono trasparenti, e moltissime parole sono monosillabe!! Per questo è buona regola iniziare a costruire un vocabolario di parole semplici da pronunciare. Perchè non esercitarsi costruendo in classe delle flahcards fonetiche? E' una cosa che si può fare semplicemente con kahoot, e divertirà moltissimo i bambini!  E' una buona idea giocare con questi qui e flahcards parlanti, dopo averle create
  2. Bisogna qui focalizzare una importante differenza tra l'italiano e l'inglese. In italiano le combinazioni di suoni sono stabili quindi se io insegno ad un bambino a leggere "L" e "A" lui poi metterà insieme questi due suoni in LA. In inglese alcuni phonics sono complessi, come ad esempio PH, SH etc. Potete imparare questi suoni complessi e poi fare dei cartelloni con degli esempi. Ricordatevi di ripassare spesso ciò che è scritto sui cartelloni.
  3. Se dovete leggere parole non monosillabiche, è importante trovare un modo per scomporle, perchè questo può dare un vero aiuto in lettura. Spesso le parole lunghe lo sono perchè hanno prefissi (Un/Dys/Pre...) o suffissi (or/er, ful, less, sion/tion, ment, able...) . Se insegniamo ai bambini come leggere i prefissi e suffissi, per loro sarà molto piu facile leggere le parole intere!!! E avranno subito una chiave per il significato, andando automaticamente a cercare il radicale. Anche qui consigliamo di fare cartelloni, flahcards e quiz con kahoot, ma anche cercare canzoncine come questa
  4. Aiutateli a scomporre le parole composte, sarà utile sia per la comprensione che per la lettura! Sono tantissime PANCAKE (pan+ cake, TORTA DA PADELLA), RAINBOW (rain+bow, ARCO DELLA PIOGGIA), SUNFLOWER (sun+flower, FIORE DEL SOLE), etc Scomponendo in parole brevi sarà piu' facile capire e leggere. Si può fare una sorta di gioco del domino per unire queste parole, è una idea carina, non trovate?
  5.  Provate a leggere aiutandovi con un metronomo. Diversi studi dimostrano che tenendo il ritmo si legge piu' facilmente. Questo è soprattutto vero se passare dalla lettura delle parole alla lettuira delle frasi.

E voi che accorgimenti usate per insegnare la lettura ai bambini e soprattutto per semplificare il compito a chi fa fatica? Condividete le vostre idee con noi, potete contattarci all'indirizzo mail [email protected]

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.