Blog

Comprensione del testo in inglese: "expectancy grammar " e approccio multisensoriale

9 Strategie multisensoriali per facilitare la comprensione del testo e acquisizione di nuove competenze

In questo articoloproseguiamo la veloce carrellata sugli argomenti che approfondiremo nel corso del corso di formazione di Giugno 2019 sull'inglese multisensoriale. La formazione, della durata di oltre 60 ore, sarà suffivisa in 3 moduli

Il corso è erogato presso le seguenti sedi

ICS1 SAN BONIFACIO (Verona)- 18, 29, 20 Giugno

ICS GALVANI (Via Galvani 7 Milano, 20124 Milano , MM2/3 CENTRALE) - 26, 27, 28 Giugno 2019

Nell'articolo di oggi parleremo della comprensione del testo. E' uno dei temi di primaria im​portanza perchè, come detto spesso, non si dà acquisizione di una informazione non compresa.

E' possibile apprendere mnemonicamente una informazione il cui significato è oscuro, ma non è possibile acquisire una informazione non compresa. Questo fa parte dell'esperienza di tutti noi: possiamo imparare ed integrare veramente ciàò che abbiamo capito.

Per la lingua straniera è la stessa cosa: la comprensione del testo non è necessariamente comprensione delle singole parole, è una comprensione globale basata anche sul contesto, sulla conoscenza dello scopo della comunicazione, sui segnali extratestuali. Ma la comprensione ci deve essere, è fondamentale che la comprensione degli alunni sia il fine del lavoro dell'insegnante.

 La comprensione del testo non è lineare

La comprensione del testo è un fatto globale, simultaneo ed implicito, che riposa su una serie di informazioni integrate tra loro:

  • La conoscenza degli elementi lessicali  (le parole)
  • La conoscenza degli elementi funzionali  (i legami logici, grammaticali e sintattici nelle frasi e nei paragrafi, veicolati dalle declinazioni nominali/aggettivali e coinugazioni verbali, nonchè congiugnizioni, preposizioni, etc)
  • La conoscenza del contesto (conoscenza enciclopedica dei riferimenti culturali presenti nel testo)
  • La conoscenza dell'intenzione comunicativa del testo

Tutte queste informazioni concorrono alla comprensione del testo. Le informazioni di tipo extratestuale possono essere altrettanto importanti delle info veicolate dal significato delle parole e dalla grammatica/sintassi per la comprensione del testo: paradossalmente, possiamo non capire un testo che siamo in grado di tradurre perfettamente, se ci mancano i riferimenti contestuali. E, in modo ancora piu interessante, possiamo notare che la conoscenza del contesto e dell'intenzione comunicativa dell'autore, aiuta il bambino a "scoprire" e comprendere elementi testuali, intuendo i legami logici tra le parole che non conosce (o non conosce consapevolmente) e il significato di vocaboli che non gli sono noti.

Questa forma di scoperta per "ricostruzione" dal contesto e' veicolata da una serie di operazioni mentali che permettono di fisare nella memoria in modo duraturo le informazioni cosi acquisite.

In questa ottica, veicolare lo sforzo deduttivo nella comprensione del testo è una grande idea non solo per fare esercitare i bambini con le abilità che già posseggono, ma anche per insegnare loro in modo efficace nuovi elementi!

Il testo diventa quindi un importante elemento costruttivo della competenza linguistica, se vengono presentati gli elementi enciclopedici e testuali.

Ciò si applica sia ai testi orali, che i testi scritti.

Che cosa è l'expectancy grammar

 La expectancy grammar, in italiano tradotto come la «grammatica dell'anticipazione», si riferisce ad una serie di meccanismi che permettono al soggetto di “anticipare” ovvero prevedere  ciò che sarà detto, o per lo meno il senso complessivo della parte del testo che ancora non abbiamo letto o ascoltato.

Ciò che permette a questo meccanismo di anticipazione di mettersi in moto è un insieme di varie conoscenze e competenze, che potremmo definire “prerequisiti”, ovvero le conoscenze sul contesto, la competenza comunicativa e l’efficienza dei processi cognitivi implicati
dalla comprensione del testo (ovvero sia la prontezza nel cogliere i nessi causali, temporali etc)

Si tratta di un meccanismo inconscio che anche nella lingua madre è sempre attivo: mentre ascoltiamo, il nostro cervello fa supposizioni su base statistica su quello che verrà detto dopo. Eì per questo che siamo in grado di rispondere velocemente: noi “sentiamo” la fine delle frasi mentalmente, prima di averla ascoltata davvero. E’ sempre il medesimo meccanismo che ci permette di leggere e decifrare correttamente un messaggio corrotto, dove le lettere siano sostituite in parte o illeggibili. Ovviamente, ci si può sbagliare!

Inoltre, in una lingua straniera questo meccanismo è assai piu lento: poiché manca la competenza comunicativa madrelingua, è importante che sia al contrario ridondante l’elemento pragmatico, enciclopedico ed extratestuale.

Veicolare un testo orale

Non è assolutamente facile comprendere un testo orale, se si ha un livello di inglese non alto. Probabilmente ci sono molte parole non note, inoltre il tempo per focalizzare i legami logici, grammaticali e sintattici è breve, molto piu breve rispetto al testo scritto.

Però, il testo orale (per definizione multisensoriale) ha dalla sua il fatto che può essere arricchito da molti elementi oragmatici ed extratestuali. Dare questi elementi è fondamentale, perchè consente di comprendere ed imparare l'inglese grazie al testo.

Ecco alcune strategie:

  1. Spiegate bene che cosa state facendo. Curate il contesto, stimolate i bambini afinche capiscano cosa sta succedendo e cosa aspettarsi.
  2. Fornite delle banche di parole: prima di affrontare il testo date un elenco di parole non facili che i bambini troveranno nel discorso.Dovete pensare bene a quali elementi di lessico sono nuovi e quali già conoscono. Eì ovvio che non potrete anticipare tutte le parole che direte, ma vi consiglio di programmare bene ciò che direte, e magari scrivere il discorso che direte.  Se volete aiutarli, mettete le parole in ordine di apparizione. Spiegate le parole prima di iniziare, il che li aiuterà dopo (spiegate perchè lo fate):  Potreste illustrare le "nuove parole" che i bambini potranno sentire mostrando qualche slide di vocabolario prima di iniziare e lasciando le slides stampate in bella vista.Questo li aiuterà anche a capire in anticipo di che si parlerà.
  3. Se avete altre indicazioni per aiutarli, come per esempio un video (se parlate di qualcosa che può essere illustrato da un video) fatelo vedere sia prima che dopo
  4. Essere espressivi : mimica, tono di voce, gestualità devono completare il testo e arricchirlo, soprattutto dove temete che i bambini abbiano maggiori difficoltà interpretative

 

Veicolare un testo scritto

 La medesima ridondanza è necessaria per veicolare un testo scritto. Purtroppo è un esercizio che si fa solo in quarta e quinta elementare di solito, ma in realtà introdurre testi "lunghi" da prima possibile può essere un vero aiuto per i bambini, perchè mano a mano che si procede nel testo la conoscenza enciclopedica inerente alla storia aumenta, dando sempre migliori possibilità di interpretare e quindi imparare atttraverso il testo.

E' vero che i DSA sono spaventati da testi troppo lunghi e fitti, ma una storia lunga può essere impaginata in modo che si veda solo un paragrafo per ogni pagina. Dividere il testo in unità, dare il titolo ad ogni paragrafo, sono ottimi presidi per l'inclusività. Affronatre un testo unitario anziche testi frammentati che parlano di tante cose diverse (o avere testi diversi, ma unificati da un unico personaggio le cui caratteristiche e vicende sono note ai bambini) è un procediamento utile e inclusivo.

  1. Apparato iconografico e impaginazione: curate che il testo sia redatto in modo chiaro e arioso. Le pagine devono essere divise in paragrafi, con titoletti, stampati in caratteri grandi, di facile leggibilità. Usate buoni contrasti. Se possibile, inserite illustrazioni, univoche e chiare, che illustrino in modo non confusionario o ambiguo. Attirate l'attenzione dei bambini sulle immagini, stimolate curiosità, ipotesi, supposizioni su tutti gli elementi che incorniciano il testo: titolo (titoli), indice, immagini.
  2. Glossario: curate un glossario, ipotizzando quali parole potrebbero non essere note. Controllate, prima di iniziare la lettura, che i ragazzi abbiano visto il glossario. Se non provoca disordine visivo, è meglio tenerlo in pagina. Se i bambini sono piccoli, può essere un glossario illustrato, altrimenti mettete le definizioni in inglese. Meglio non tradurre.
  3. Aiuto al significato con il font e il colore, ma occhio ai dislessici: avete presente Geronimo Stilton? Hanno avuto l'idea interessante di rinforzare la semantica non solo con le immagini, ma anche con i font. Quindi "Shaking" potrebbe suggerire l'idea del tremolio o dei brividi se scritto in carattere tremolante. E' una idea interessante, però occhio a non creare parole difficili da leggere. Magari si può usare il glossario per esperimenti di questo tipo
  4. Fumettizzazione: perchè non fumettare? La possibilità di vedere i dialoghi, o parti di essi, in fumetto può chiarire la situazione e aiutare la comprensione.
  5. Leggere ed ascoltare insieme: se potete, creare sempre una versione audio dei testi, in modo che i ragazzi possano leggere ed ascoltare sempre insieme. Di grande aiuto per i dislessici, il voiceover aiuta tutti, anche perchè l'espressività ed il ritmo piu' lento della lettura ad alta voce frena l'impulsività di tanti giovani studenti, che fanno "lettura veloce" e non hanno la pazienza di leggere intensivamente. Leggere ascoltando costringe a prendersi un tempo giusto per capire il testo.
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.