Blog

Come leggere in inglese? la regola della -e magica (magic -e)

Regole facili da ricordare per leggere in inglese

La fonetica inglese, specie se comparata con quellaitaliana, non è facile.

Tuttavia, si sente spesso dire che non ha regole, mentre ci sono delle regole che possiamo insegnare ai nostri studenti per leggere piuì facilmente ed evitando errori.

Una di queste regole è quella dell "magic  E".

Provate a leggere queste coppie: on/one, us/use, hat/hate, tap/tape, at/ate, mat/mate, sit/site, cap/cape, at/ate, quit/quite, win/wine.

Ci avete fatto caso? La parola piu' breve è caratterizzata da un suono vocalico diverso! Quando agiungete la e finale, la prima vocale, qualla su cui cade l'accento, cambia. Ed inoltre, la -e finale non si sente !

Cosa possiamo dire di tutte queste parole?

  • sono monosillabiche, sia in versione obreve che in versione lunga (la e finale non si sente mai, e la parola si pronuncia con una sola emissione di fiato)
  • la prima vocale divanta lunga!

Che cosa vuole dire che la prima vocale diventa lunga? Vuole dire che ha esattamente lo stesso suono della lettera dell'alfabeto 8quello che recitate quando fate lo spelling, quindi a = ei, e = i,  u = ai , o = ouh , u = yo

le vocali inglese hanno due suoni: il suono breve ed il suono lungo.

Il suono breve è molto simile al suono che queste vocali hanno in italiano (ma piu breve), fatta eccezione per la u che si pronuncia come una specie di A: quindi per esempio

MAT (suono breve) = /mat/

MATE (suono lungo)= /meit/ (non sto usando una trascrizione fonetica, ma semplicemente cercando di fare capire il suono

PET (suono breve)=/pet/

PETE (suono lungo)=/pit/

SIT(suono breve) = /sit/

SITE (suono lungo) = /sait/

SLOP (suono breve)= /slop/

SLOPE (suono lungo) = /slouhp/

US (suono breve)= /as/

USE (suono lungo) = /ius/

 Ecco qui, semplice vero? eppure evita tanti errori in lettura. Quando abbiamo un ragazzo di dsa, è importante dare delle regole come queste perchè spesso i soggetti con DSA fanno piu fatica ad estrarre la regola dagli esempi, e quindi insegnare inmodo esplicito come funzionna la lettura in inglese è un buon modo di lavorare con loro.

Ne parleremo durante il corso di formazione che proponiamo a marzo a Milano, dedicato all'insegnamento dell'inglese agli alunni con DSA. Comunque, questa regola è ottima per tutti e vbiene insegnata a scuola anche ai bambini inglesi.

Altri argomenti che possono esserti utili per insegnare inglese ai bambini e ragazzi dislessici:

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.