Anno scolastico in Inghilterra

anno scolastico in inghilterraStudiare un anno o un trimestre all'estero può rappresentare per un adolescente  un'esperienza fondamentale non solo dal punto di vista linguistico, ma anche dal punto di vista della maturazione personale.

Dal punto di vista della competenza linguistica, vivere la scuola in inglese permette di ascoltare e praticare la lingua in modo esteso ed intenso, provandosi in contesti impegnativi e imparando a gestire registri differenziati.

Studiare in inglese richiede la maturazione completa degli skills legati alla lettura e la scrittura (comprensione di testi tecnici e formali, espressione con registro adeguato, sviluppo di vocabolario specifico), nonchè lo sviluppo di una vera fluenza, che ci porta a saperci esprimere con persone diverse e in diversi contesti, senza pregressa preparazione (come ad esempio accade agli esami)

Possiamo veramente dire che una esperienza di scuola in Inghilterra può completare ottimamente un percorso di studio linguistico durante gli anni, perchè solo con questa pratica così specifica giungono a maturazione gli skills linguistici ed accademici accumulati durante le lezioni.

A livello personale, la sfida rappresentata dallo spostarsi in un altro Paese, che ha abitudini diverse, una diversa cultura e una concezione della scuola non sovrapponibile alla nostra, è sicuramente notevole. Misurarsi ogni giorno con uno stile di vita che richiede adattamento e self-control, responsabilità e intraprendenza può davvero risultare in un'evoluzione del carattere che sarà una marcia in più per la vita.

In collaborazione con partner in loco che conosciamo da anni, proponiamo ai nostri studenti la possibilità di fare un trimestre o un anno presso scuole con rating di qualità elevato, ospitati da famiglie realmente selezionate e monitorate, assistiti da un servizio di "guardianship" estremamente presente e puntuale, che può garantire la tranquillità del genitori a casa .

Grazie alla nostra esperienza nelle scuole, siamo in grado di offrire una consulenza di qualità per la scelta dei programmi e la redazione del piano di apprendimento, interfacciandoci in modo competente con le scuole e i tutors coinvolti.

Organizzazione una esperienza di mobilità

Se sei interessato a vivere una esperienza di mobilità in Inghilterra, contattaci e incontrerai personalmente uno dei nostri consulenti.

Ci spiegherai le tue esigenze e noi cercheremo di capire se le scuole con cui siamo in contatto possono fare al caso tuo.

Non è detto che la tua richiesta sia accolta. Le scuole hanno dei criteri per decidere se ammettere o meno studenti stranieri, che possono dipendere da:

  • la tua età e l'anno che vuoi frequentare
  • la scuola da cui provieni
  • la tua madrelingua (le scuole tendono ad accettare più facilmente studenti che vengono da paesi le cui lingue sono studiate come lingua seconda nell'istituto)

Qualora la tua richiesta sia presa in considerazione, riceverai una lettera di offerta, che contiene anche i dettagli economici.

Se l'offerta ti interessa, possiamo organizzare una visita dell'Istituto, in modo che tu possa accertarti di persona delle caratteristiche della scuola che vorrai frequentare. Può darsi che sia la scuola stessa a richieder un colloquio. Le scuole possono avere dei requisiti di ingresso diversi, ma è semtre richiesta una competenza linguistica almeno B2.

In caso positivo, è il momento di cominciare a preparare i documenti, per i quali sarai assistito dal nostro consulente, che sarà in contatto sia con la Scuola Inglese che con quella italiana. 

Contemporaneamente cominceranno le ricerche di una famiglia ospitante: ti faremo avere i dettagli di contatto un mese prima di partire. saranno stipulate le necessarie assicurazioni ed il servizio di guardianship e assistenza, di cui avrai tutti i dettagli.

Garanzia di qualità delle scuole

Abbiamo deciso di appoggiarci ad una organizzazione con cui lavoriamo da anni, che ha creato nel proprio territorio una rete affidabile di famiglie ospitanti e di insegnanti. le scuole con cui lavorano sono tutte ottime (giudicate "good" o "outstanding" dal servizio di ispezione ministeriale). Si tratta di scuole severe con ottimi standard di qualità e sicurezza.

Le regioni nelle quali questa organizzazione lavora sono l'Hampshire, il Dorset e il West Sussex, in cittadine lontane dalla metropoli , ovvero contesti piccoli e protetti che possono offrire garanzie di sicurezza e che hanno caratteristiche desiderabili, quali elevato grado socio-culturale della popolazione, elevato standard di servizi. 

Garanzia di qualità dell'assistenza

L'assistenza dello studente è sempre stato il nostro punto di forza.

Ogni studente avrà una rete di sicurezza così articolato:

  • Sistema scolastico: avrai un tutor o insegnante che si occuperà dell tuo inserimento e di aiutarti nelle piccole necessità di tutti i giorni in un nuovo contesto
  • La famiglia ospitante è iper-selezionata ed il tuo benessere in seno alla famiglia sarà monitorato costantemente
  • Avrai una assitenza attiva 24/7 in italiano ed in inglese, da parte dell'organizzazione che ha curato il tuo viaggio, sia telefonicamente che tramite i nostri rappresentanti in loco, con cui saranno stabiliti incontri su base regolare.

Sistema Scolastico in Inghilterra

 Le scuole inglesi si dividono in scuole statali ("state school", dove ci sono sia scuole laiche che religiose, le quali ricevono sovvenzioni dallo stato e sono gratuite per i cittadini. Alcune tra le migliori scuole di Inghilterra sono state school di impostazione religiosa, e tra queste è bene sottolineare che molte sono scuole cattoliche) e "independent" (scuole private, ovvero la cui retta è completamente a carico dell'utente: tra queste ci sono molte boarding schools, ovvero collegi).

Sia le scuole statali che le scuole indipendenti sono costantemente monitorate da appositi organismi locali , che inviano periodicamente ispettori per controlli di qualità sulle strutture, sull'insegnamento e sul personale.

La qualità delle scuole e la formazione degli alunni viene misurata tramite test standardizzati e ogni scuola ha un rating di qualità, che viene esposto con grande trasparenza. I gradi di qualità vanno da "Outstanding" (eccellente) a "Poor" (scarso).

C'è una grande differenza tra gli approcci e i materiali didattici adottati nelle varie scuole, nonostante esistano i programmi nazionali (Natuional Curriculum) e le relative indicazioni ministeriali, i cui criteri sono testati nelle ispezioni.

Il National Curriculum prevede il Fundation Stage (anni 3-5) e poi 4 Key Stages (KS) scolastici: dai 4-5 anni (KS1) alla maturità (KS4)

Le materie previste nella scuola primaria e secondaria (fino ak KS3) sono inglese, matematica, scienze, tecnologia, geografia,storia,scienze,educazione motoria, arte , eduicazione civica e una lingua.

A partire dal KS4, invece, ci sono 6 materie obbligatorie che tutti devono studiare (inglese, matematica e scienze, educazione motoria, educazione civica e informatica) e  possono essere scelte come materie di indirizzo  ulteriori materie (musica, arte, educazione motoria, lingua straniera...). 

Cicli scolastici

I cicli scolastici sono 3:

 1) Primary Education (Istruzione primaria): viene frequentata  dai 4/5 agli 11 anni.

Al termine del ciclo primario gli studenti sostengono un esame (Standard Assesment task, SAT) nel quale tutti vengono testato  nelle materie fondamentali inglese, matematica e scienze. Questi esami sono standardizzati ed uguali in tutta la nazione. 

2) Secondary Education (Istruzione Secondaria): l'istruzione secondaria copre la fascia dagli 11 ai 16 anni, età a cui termina l'obbligo scolastico. Al termine della istruzione secondaria gli alunni sostengono degli esami (GCSE)

3) Tertiary Education (Istruzione Terziaria): l'istruzione superiore non è obbligatoria, ma pressochè tutti gli studenti i continua a frequentarere la scuola fino ai 18 anni, quando si consegue il diploma (A level, oppure altre certificazioni). 

La scuola superiore prevede diverse tipologie scolastiche; le Grammar Schools sono un po' il corrispettivo del nostro Liceo, poi ci sono, le Technical School (gli istituti tecnici) e le Modern School (gli istitituti professionali).

In realtà oggi sono coprattutto diffuse Comprehensive Schools , nelle quali vengono educati tutti i giovani, che possono scegliere un percorso di studio umanistico, tecnico o professionale con una buon margine di "personalizzazione".

Il curriculum prevede una flessibilità simile a quella della nostra università. Gli studenti possono scegliere le materie di indirizzo e sono normalmente valutati con tesine e lavori scritti. 

In Inghilterra c'è un sistema di valutazione scolastica molto dettagliato e trasparente, creato sulla base degli obiettivi fissatri dal national Curriculum.

Calendario ed orario scolastico

La principale vacanza scolastica è quella estiva:  dura più o meno sei settimane , dalla seconda metà di luglio al primo settembre. Solitamente ci sono anche due settimane di vacanza in occasione di Natale e alcuni giorni per Pasqua, più una settimana intera a metà ottobre e metà febbraio (half term). Le date variano a seconda delle scuole.

Anche gli orari variano da scuola a scuola. In media, gli studenti sono a scuola minimo 24 ore per gli alunni con un'età compresa tra gli 11 e i 16 anni. Quasi tutte le scuole superiori garantiscono almeno 25 ore di lezione alla settimana.

La giornata scolastica è solitamente organizzata così: lezione dalle 9 alle 12, pausa pranzo, poi altre due ore di lezione nel pomeriggio. I bambini entrano a scuola verso le 8.40, poi c'è una assembly prima dell'inizio delle lezioni.

Il pranzo può essere consumato in mensa o al sacco. L'uscita di solito è verso le 15 o 16, a seconda della scuola.

Divise

Nelle scuole inglesi è obbligatoria la divisa. Non portare la divisa è considerata un'offesa e può essere punito, anche con l'espulsione.

Ammissione all'università

In Inghilterra nessuna università prevede il diritto automatico di iscrizione e c'è pressochè dappertutto il numero chiuso.

L'esame di maturità italiano è solitamente considerato equivalente agli A Levels per gli studenti del nostro paese che vogliono fare domanda di iscrizione in un'università del Regno Unito. 

Legislazione che regola gli scambi scolastici

La legislazione in tema di scambi culturali tra le scuole (sia scambi collettivi che individuali)  parte dal lontano 1994.

la mobilità studentesca è incoraggiata dalla Carta Europea della Mobilità (2006), che raccomanda l'incremento della mobilità di studenti e lavoratori e pone le basi per una regolamentazione degli scambi.

L'anno all'estero può comportare una bocciatura in Italia?

Una  delle più forti paure degli studenti è che il trimestre o l'anno all'estero comporti la bocciatura. In realtà ciò non è possibile: anzi è esplicitamente dichiarato nella Nota della Direzione generale Ordinamenti Scolastici prot 2787 del 20 Aprile 2011 che "le esperienze all'estero, purchè di durata non superiore all'anno e concluse prima dell'inizio dell'anno scolastico successivo, sono valide per la riammissione nella scuola di provenienza e sono valutate ai fini degli scrutini.".

Non è quindi possibile che l'anno all'estero sfoci in una bocciatura nella scuola italiana, che al contrario riammette lo studente, valutando le esperienze e il profitto riportato sulla base della coerenza con gli obiettivi previsti dai programmi di insegnamento italiani.

Valutazione dell'esperienza all'estero

Eìin primo luogo bene sottolineare, che la valutazione va intesa in senso globale: con il decreto legislativo no. 13 del 13 gennaio 20113 si delinea un sistema nazionale di certificazione delle competenze, comunque acquistate, al fine di valorizzare ogni competenza possedutr dalla persona, in una logica di apprendimento permanente". Ciò che uno studente può quindi acquisire nel corso di una esperienza complessa come un anno all'estero deve essere valutato nella sua globalità, senza fermarsi ai soli apprendimenti scolastici.

Tutte esperienze formative e di lavoro nel Paese Straniero comportano l'acquisizione  di crediti certificati, che possono essere fatti valere al ritorno in Italia. Vengono riconosciuti inoltre i crediti formativi inerenti alle esercitazioni pratiche, ai tirocini formativi, purchè opportunamente certificati. La valutazione degli stessi è affidata ai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività culturali e sociali previsti dai piani di studio personalizzati.  (D.lvo no. 226 del 17 Ottobre 2005)

Sulla base della valutazione periodica, saranno stabilite le misure eventualmente necessarie per il recupero delle materie.

Si sottolinea quanto chiarito nella Nota del MIUR 2787 del 20 aprile 2011: "Considerato il significativo valore educativo delle esperienze di studio compiute all’estero e l’arricchimento culturale della personalità dello studente che ne deriva, si invitano, pertanto, le istituzioni scolastiche a facilitare per quanto possibile, nel rispetto della normativa del settore, tale tipologia educativa."

E' necessario certificare l'equipollenza dell'esperienza all'estero?

L'equiipollenza si riferisce ai titoli di studio, pertanto le esperienze formative all'estero non necessitano di certificati di equipollenza, come è schiarito anche dalla Comunicazione del MIUR 2787 del 20 Aprile 2011.

 

Learning agreement  (LA)

 Il Learning Agreement (LA) è il piano degli studi all’estero dello studente che si reca in mobilità; è il documento compilato prima della partenza per la mobilità, in base ad un percorso individualizzato e concordato tra docenti e studente. Esso deve contenere le attività formative della Scuola Ospitante, che sostituiranno le attività previste dalla scuola di apparenza, nonché i criteri di valutazione adottati.

La Carta Europea di Qualità della Mobilità prevede e raccomanda che sia redatto un "Piano di apprendimento" personalizzato, come passo preliminare all'esperienza di scambio (sia a lungo termine che a breve termine).

Recita la Carta Europea: " Il piano dovrebbe indicare gli obiettivi e i risultati attesi dall'apprendimento, così come le modalità per conseguirli ed attuarli. Ogni significativa modifica del piano di apprendimento dovrebbe essere concordata tra tutte le parti. Nell'elaborazione del piano di apprendimento, si dovrebbe tener conto delle questioni relative alla reintegrazione nel paese di origine e alla valutazione".

Nella Nota del MIUR del 10 aprile 2013 si valorizza ampliamente il valore educativo dell'esperienza all'estero, ed in particolare si legge che "Essere “stranieri” in una famiglia e in una scuola diverse dalle proprie contribuisce a sviluppare competenze di tipo trasversale, oltre a quelle più specifiche legate alle discipline. Imparare a leggere e autilizzare altri codici, saper riconoscere regole e principi diversi, imparare ad orientarsi al di fuori del proprio ambiente umano e sociale utilizzando “le mappe” di una cultura altra esigono un impegno che va ben oltre quello richiesto dalla frequenza di un normale anno di studio."

Nella medesima nota vengono date indicazioni sul Piano di apprendimento, che deve essere progettato dal Consiglio di classse, sulla base del singolo alunno, tenendo ben presente lo sviluppo delle conoscenze disciplinari, ma anche lo sviluppo di nuove competenze trasversali, in particolare tenendo presente:

a) un'analisi condivisa dei punti di forza e di fragilità della preparazione dello studente, corredata di indicazioni su attività didattiche da svolgere prima della partenza e durante il soggiorno all'estero;
b) la proposta, per quanto riguarda il piano di studio italiano, di un percorso essenziale di studio focalizzato sui contenuti fondamentali utili per la frequenza dell’anno successivo, non cedendo alla tentazione di richiedere allo studente l’intera gamma di argomenti prevista dalla programmazione elaborata per la classe. Ciò risulta
particolarmente importante per le discipline che non sono comprese nel piano di studi dell’istituto straniero;
c) l'indicazione da parte dell’istituto italiano di contatti periodici con lo studente per verificare e supportare il lavoro che sta svolgendo.

La stessa nota del MIUR quindi puntualizza che per il rientro e la riammissione dello studente non devono essere richieste in toto tutte le conoscenze richieste dal programma italiano , ma che lo studente sia valutato per il suo percorso nell'altra scuola e anche per le nuove acquisizioni in termini di competenze trasversali.

Il suo percorso e profitto nella scuola straniera sarà del resto monitorato con regolarità da parte della scuola di provenienza, per confrontarlo con gli obiettivi che erano stati preliminarmente fissati nel Piano di apprendimento.

 

Piano di studio personalizzato

La Carta Europea  di Qualità per la Mobilità indica: "La mobilità a fini di istruzione o formazione dovrebbe corrispondere il più possibile ai percorsi di apprendimento personali, alle competenze e alla motivazione dei partecipanti, e dovrebbe svilupparli o completarli."

Il consiglio di classe deve approntare un piano di studio personalizzato per lo studente che partirà in mobilità, ovvero redigere un percorso d’istruzione basato sull'individuo, sia a livello di svolgimento (le unità di apprendimento) che di nella verifica (portfolio delle competenze). Si sottolinea l'aspetto di personalizzazione: "Le istituzioni scolastiche sono tenute a trasformare gli “obiettivi generali del processo educativo” e gli “obiettivi specifici di apprendimento” (conoscenze e abilità) prima in obiettivi formativi individuali e poi, grazie all'articolazione delle attività educative e didattiche, nelle competenze educative, culturali e professionali finali di ciascuno.” 

Come funziona concretamente?

Prima di partire:

La Segreteria Didattica inserisce sul registro in corrispondenza del nominativo dello studente la seguente dicitura: “studente in mobilità internazionale individuale per l’intero anno scolastico” ( per i soggiorni di durata inferiore all’anno saranno indicate le date precise  “studente in mobilità internazionale individuale dal gg/mm/aa al gg/mm/aa”

Il consiglio di Classe redige il Piano di apprendimento, sula base del suo profilo personale e rendimento degli anni precedenti. Avendo contattato la scuola di destinazione scelta dallo studente, viene predisposto un "Contratto Formativo" nel quale vengono concordati e previsti i contenuti essenziali per il proseguimento degli studi nel successivo anno scolastico in Italia,  e le competenze (incluse le competenze "trasversali" da acquisire durante la permanenza nella scuola straniera.  Il piano formativo deve preveder nel dettagli gli obiettivi didattici inerenti alle materie studiate nella scuola straniera e i criteri di valutazione che saranno utilizzati.

Durante la mobilità

Il Consiglio di Classe incarica un docente di riferimento - Tutor e/o Coordinatore del CdC - con cui lo studente si terrà in contatto durante la sua permanenza all'estero.

Durante l'anno all'estero, il tutor tiene i contatti con lo studente e con la sua famiglia in Italia, raccogliendo le informazioni relative ai corsi frequentati dallo studente e ai contenuti disciplinari previsti. E' suo dovere aggiornare i colleghi del Consiglio di Classe sull'esperienza dello studente,  raccogliendo le tutte le comunicazioni provenienti dalla scuola all'estero o dallo studente nell'apposito fascicolo.

Al ritorno in Italia

Il Consiglio di Classe deve accertare  la preparazione dello studente in occasione del colloquio di reinserimento, durante il quale lo studente illustra l’esperienza. Viene valutato il fascicolo dello studente, inclusa la valutazione da parte dei docenti della Scuola Straniera e la certificazione delle varie esperienze effettuate.

Il Consiglio di Classe stabilisce modalità e tempi del recupero delle eventuali prove integrative per il reinserimento  (inerenti i contenuti irrinunciabili del programma ministeriale italiano e della scuola di appartenenza), che possono essere fissate entro il primo trimestre/quadrimestre.

La valutazione globale dell'esperienza

La valutazione globale dell'esperienza tiene conto sia delle esperienze certificate che della valutazione dei docenti stranieri e degli apprendimenti ed obiettivi disciplinari maturati durante l'esperienza, nonché  delle prove integrative previste al ritorno In Italia,per calcolare la fascia di livello per la media e attribuire il credito scolastico.

Concorrono al credito anche le accresciute competenze linguistiche e le competenze trasversali, che saranno registrate nel portfolio Europass.

 

PREZZI

Sulla base delle esigenze evidenziate sarà inviata una "offer letter" che comprenderà tutta una serie di servizi che accompagneranno lo studente prima, durante e dopo la mobilità

Il prezzo include:

  • Consulenza e personalizzazione
  • Ricerca di una scuola idonea, che possa offrire un piano di studi compatibile con le esigenze del singolo
  • Iscrizione alla scuola per il periodo richiesto (qualora lo studente  sia ammesso)
  • Ricerca di una famiglia ospitante idonea
  • Alloggio e pensione completa
  • Guardianship
  • Tutta l’organizzazione logistica e il supporto in Gran Bretagna durante il periodo di permanenza

  ​


Condividi:

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.