CV in inglese a Milano

Se avete un obiettivo chiaro, come la redazione del cv  e la preparazione del colloquio in inglese, la cosa migliore è la preparazione di un progetto specifico per alcune lezioni di inglese sulla base delle vostre necessità.

Non è indispensabile che prendiate un pacchetto standard: a seconda di quanto dovete preparare una o poche lezioni intensive con il nostro insegnante madrelingua potrebbero essere sufficienti.

Nelle fasi preliminari del corso, comunicherete il settore professionale in cui operate e le caratteristiche del colloquio che andrete a fare, in modo che l'insegnante arriverà a casa vostra già preparato e potrà da subito proporvi una lezione mirata e specifica, per non perdere tempo e massimizzare l'efficacia del corso.

Gli insegnanti di cui ci avvaliamo per i training mirati per il colloquio di lavoro in inglese hanno  una formazione  nella gestione delle risorse umane (laurea in psicologia, o master in management delle risorse umane) oppure scegliamo insegnanti con background nel vostro settore professionale (architettura, pubblicità, design, turismo e ricettività...) per potere curare al meglio anche i contenuti specifici particolarmente importanti per il brillante superamento del colloquio.

LEZIONI  DI INGLESE PERSONALIZZATE PER LA PREPARAZIONE DEL CV


Siamo in grado di organizzare con grande flessibilità lezioni mirate al vostro caso. L’insegnante, al vostro domicilio oppure nella nostra sede, vi farà da consulente per potere arrivare alla redazione della versione più adatta, in lingua inglese, del vostro CV.

Siamo esperti anche nella redazione di admission letter per la università inglese e nella redazione di resume per l’ammissione a posizioni di volontariato internazionale.

Ogni volta il lavoro è impostato su di voi, e insieme al vostro insegnante analizzerete l’azienda per la quale desiderate preparare l’application, la posizione a cui aspirate, i vostri punti di forza: e su questa base verranno individuati gli elementi da enfatizzare e la modalità migliore per farlo.

CONSIGLI PER LA REDAZIONE DEL CV  IN INGLESE



Il Cv perfetto in inglese è una cosa piuttosto diversa dalla mera traduzione in lingua inglese del CV in formato europeo, che siamo soliti inviare in Italia. E’ bene sapere, se state mandando una candidatura ad una azienda all’estero oppure ad una azienda straniera in Italia (nella quale vi interfacciate con selezionatori anglosassoni) che il formato europeo non è gradito.

Le regole redazionali per scrivere il CV sono molto legate alla cultura, non solo alla lingua. In USA, Canada, Australia e Inghilterra, pur tutti Paesi dove la lingua nativa è la medesima cioè l’inglese, le indicazioni condivise su come debba essere un buon CV sono alquanto diverse.

Tutti concordano sul fatto che il CV non debba essere standardizzato, ma redatto ad hoc per evidenziare i punti di luce più rilevanti per ogni singola azienda/posizione. Il singolo candidato che invia applicazioni ad aziende diverse o per posizioni diverse, dovrebbe avere l’accortezza di adattare il CV. Ancora meglio, dovrebbe  scegliere il modello di CV che naturalmente enfatizzi e renda più visibili al selezionatore i suoi punti di forza.
Facciamo qualche breve esempio di diverse tipologie di CV

•    il CV cronologico (chronological CV):

è il Cv tradizionale, strutturato in ordine inverso (in alto va l’ultimo impiego in ordine di tempo ovvero i più recenti, in basso i lavori passati). E’ molto importante che nella redazione di questo CV il candidato enfatizzi le caratteristiche e le abilità maturate nelle esperienze lavorative e di studio, in modo che il selezionatore possa velocemente rintracciare gli skills che sta cercando per la posizione aperta: si suggerisce pertanto di inserire brevi (brevi!) descrizioni di ogni lavoro e delle capacità in esso sviluppate e dimostrate.   Inoltre, in questo CV è be e che ci siano indicate con chiarezza le date (scrivete strategicamente, in modo da minimizzare eventuali “gap” temporali)

•    il CV funzionale (Functional CV o skill-based CV):

è un CV che viene utile a coloro che hanno una storia lavorativa con buchi temporali. Con questo tipo di CV l’attenzione viene catturata non dalla “storia” lavorativa, ma dalle abilità acquisite ed è il Cv adatto per coloro che hanno maturato capacità ed esperienze in contesti extra-professionali (sportivi ad alto livello, viaggi , volontariato etc). 

E’ molto importante scrivere bene questo Cv, utilizzando uno schema ordinato ed enfatizzando in modo strategico i titoli in modo che al selezionatore saltino alla vista le abilità che sta probabilmente cercando per la posizione aperta (è bene fare una analisi della posizione per individuare quali saranno le caratteristiche richieste). Scrivere concisamente di situazioni, anche extra-lavorative, che provino l’acquisizione delle capacità che segnalate.

•   CV accademico (academic CV):

è il tipo di CV che si utilizza in ambito universitario o di ricerca. Il difetto principale di questi CV è talvolta la verbosità. Se si sta rispondendo ad una posizione aperta, è bene analizzare la situazione ed enfatizzare il lavoro accademico già inerente al campo specifico per cui si sta scrivendo l’application, descrivendo brevemente i lavori svolti e lasciando i dettagli per l’eventuale approfondimento successivo. E’ naturalmente indispensabile indicare gli eventi formativi (seminari, conferenze, cicli di studi) a cui avete partecipato.

Ciò vale se siete un accademico/ricercatore che vuole restare nell’ambiente accademico, se invece state cercando di uscire dall’ambiente accademico per entrare in un ambiente lavorativo diverso, potrebbe essere bene che i focalizziate sulle abilità maturate in ambito accademico che potrete utilmente usare in ambito aziendale.

Scegliere il CV più adatto


Insieme al vostro insegnante, scriverete il CV più adatto alla vostra situazione, eventualmente anche con alcune varianti. Il lavoro di analisi e scrittura propedeutico alla redazione in Inglese del CV sarà molto utile per voi anche in fase di colloquio.

Scrivere la lettera di presentazione in inglese

La cover letter, o lettera motivazionale, non è meno importante del vostro CV in inglese. Noi possiamo aiutarvi a scrivere una buona ed efficace lettera di presentazione: basteranno una o due ore con il vostro insegnante, una modica spesa vale la pena per la certezza di sapervi presentare in modo accattivante e corretto nella azienda cui puntate.

Perchè è meglio scriverla con il vostro insegnante invece che farla tradurre?

  • perchè una buona lettera di presentazione non è mai una mera traduzione della lettera italiana! la cultura è diversa e così sono le esigenze di una buona presentazione
  • perchè se traducete voi, con l'aiuto di un insegnante, ricorrderete molto meglio le parole e le espressioni usate e le potrete usare anche in altri contesti, ad esempio nel colloquio di lavoro
  • perchè avere l'insegnante vicino vi permette di essere certi dell'interpretazione delle frasi: una cover letter è un lavoro su sfumature!

Cosa è la cover letter in inglese?

 

lettera di presentazioneE’ una breve presentazione di voi stessi, dei motivi per cui avete deciso di candidarvi proprio per quella azienda o posizione, delle abilità che ritenete di avere sviluppato e che proponete al selezionatore.

Deve essere concisa, ma completa edietro ad una buona Cover letter ci deve essere un valido lavoro di ricerca e analisi perché diventi uno strumento di marketing convincente.

Iil selezionatore deve percepire che l’avete scritta specificatamente per quella azienda e posizione, e che avete raccolto ed analizzato con cura le info a Vostra disposizione.

Nel mondo anglosassone, insieme alle referenze (fondamentali!!), la cover letter è un elemento che può fare la differenza per guadagnare l’attenzione del selezionatore.

La cover letter ha la funzione di offrire una interpretazione delle info schematiche contenute nel CV e aggiungere un tocco personale. A seconda che stiate rispondendo ad un annuncio, oppure stiate inviando una candidatura spontanea, ci sono delle ovvie differenze nell’apertura della Vostra lettera.

Il tono deve essere formale, ma a seconda dell’azienda e del suo codice ci possono essere delle variazioni nel tono con cui vi rivolgete al selezionatore. Anche questo denota quanto ne sapete della realtà per cui vi candidate e quanto siete “fit” in essa.

La sintesi è importante: la misura “giusta” non esiste, ma si consiglia normalmente di non superare la mezza pagina.

Qui, brevemente, ricordiamo solo alcune regole generali relative alla lingua inglese che vi saranno utili nella redazione della lettera di presentazione:

•    Parlate delle esperienze passate usando il simple past se sono concluse
•    Parlate delle vostre esperienze usando il present perfect se sono tutt’ora in corso e il presente perfect continuous se ne state presentando i risultati.

Prepararsi al colloquio di lavoro in inglese  è un momento di grande stress: sapete che vi verranno rivolte alcune domande in inglese, ma temete che, per l'emozione e l'ansia, non sarete in grado di rispondere adeguatamente.

I dubbi sono sempre questi:

•    sarò in grado di comprendere prontamente la domanda? (L’accento dell'esaminatore potrebbe essere difficile da decifrare per me, potrei non cogliere il senso o le sfumature di ciò che mi viene domandato)

•    sarò in grado di articolare una risposta corretta? (ho un vocabolario ridotto, non sono abituato a disporre elegantemente e velocemente le parole in frasi efficaci, potrei dare una risposta molto al di sotto dello standard di competenza che potrei dimostrare in italiano, potrei impappinarmi e non essere in grado affatto di rispondere, potrei avere una pronuncia scorretta...)

•    sarò in grado di dimostrare, con le mie risposte, la persona che sono? (le doti interpersonali sono fondamentali, con risposte troppo secche e concise in inglese potrei dare una idea di me non ideale o non rispondente al vero)

Preparazione del colloquio di lavoro in inglese

Preparare con il docente di madrelingua questo colloquio è  molto utile, non solo per diventare fluidi ed efficaci nelle risposte, ma anche per focalizzare l'immagine di sè che tramite il colloquio deve trasparire.

Oltre alla correttezza grammaticale, si fa riferimento all'etichetta, alle aspettative, alle differenze interculturale, che possono essere determinanti quando affrontiamo un colloquio di lavoro in un'azienda straniera o con una persona appartenente ad un'altra nazionalità.

Le persone che hanno preparato con noi i colloqui di lavoro hanno avuto un ottimo successo.

Si tratta di sessioni brevi e intense, personalizzate per frequenza e per articolazione e contenuto, che sono necessarie per arrivare con la massima confidenza al colloquio, ma che non vi costeranno una fortuna.





Condividi:

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.