CLIL scuola primaria

Quella proposta da Open Minds è una metodologia CLIL basata su lezioni in lingua inglese.

Il CLIL della scuola primaria è un passo ulteriore rispetto ai corsi di inglese per bambini: nelle scuole primarie il clil, grazie ai nostri docenti madrelingua appositamente formati, prevede progetti didattici che combinano le competenze richieste dall'apprendimento della disciplina non linguistica (scienze, storie, arte...) con il gioco e l'attività creativa.

In questo modo, si sviluppano nuove modalità di insegnamento interattive e stimolanti che permettono ai bambini di acquisire i contenuti disciplinari direttamente in inglese attraverso il clil della scuola primaria.

TECNICHE DI INSEGNAMENTO CLIL

La didattica CLIL nelle scuole primarie si avvale di tecniche ludo-didattiche e di apprendimento cooperativo: è perfetta per la didattica inclusiva nelle classi dove ci sono bambini con BES e DSA.

In particolare è tipico dei nostri interventi CLIL presso la scuola primaria:

  • l'approccio "learning by doing": poichè noi rifiutiamo l'approccio traduttivo, e quindi le nostre docenti madrelingua parlano esclusivamente in inglese durante le lezioni, la nostra lezione è molto pratica e dimostrativa. I bambini sono invitati a fare direttamente le cose e associarle con la loro stessa esperienza alle parole inglesi che vengono indicate. Questa "emersione" dei significati dal fare è assai più efficace in termini di apprendimento rispetto all'apprendimento tradizionale, mediato da schede e traduzioni.
  • coinvolgimento fisico: non solo con i più piccoli, ma in generale noi abbiamo uno stile di insegnamento/apprendimento che è mobile e veicolato da comandi e atti pratici. Quindi è frequente che le nostre lezioni si tengano in piedi almeno parzialmente o comunque in spazi organizzzati diversamente risoetto alla classe frontale. I bambini fanno cose e muovono anche il corpo e non solo le penne e le pagine durante la lezione.
  • "research-based" approach: con i bambini più grandi e i ragazzi, non ci sarà solo un approccio descrittuvo, ma anche la richuesta di risolvere problemi, trovare e scremare informazioni, confrontando materiali e fonti approntati dall'insegnante. Questo approccio, altrenativo a quello basato sul manuale, è raccomandato nelle scuole anglosassoni per incrementare la tendenza delle persone a crearsi dei percorsi mentali che facilitano la ricerca e l'accumulo di conoscenze originali, ed è adatto alla classe perchè promuove autonomia e autostima.

CLIL ALLA PRIMARIA

Nella scuola primaria sono evidenti le connessioni tra CLIL e insegnamento comunicativo e glottodidattica ludica: il CLIL dovrebbe essere proposto ai bambini sotto forma di gioco ed esperienza/progetto divertente e stimolante con queste modalità:

•    L’insegnamento disciplinare, anziché essere proposto da un libro di testo, può essere veicolato da slides con un ampio ricorso a immagini, diagrammi e mappe mentali.

•    La terminologia inglese connessa all'insegnamento disciplinare può essere esercitata utilizzando flashcard e board games. Con un po’ di fantasia, si può convertire in carte da gioco il bagaglio lessicale introdotto e utilizzare giochi comunicativi per rendere questa nuova terminologia famigliare agli allievi

•    Multimedialità/ Multisensorialità: è possibile veicolare contenuti disciplinari utilizzando canzoni, drammatizzazioni e altri accorgimenti teatrali, giochi in piedi e in movimento per rendere più divertente e immediata la lezione.

Ad esempio, esiste tutto un repertorio di canzoni didattiche che hanno per tema le scienze, la storia e la natura che possono offrire ai bambini spunti interessanti e facili da memorizzare.

Il CLIL nella scuola primaria non è affatto in contraddizione con le modalità previste dal metodo TPR, ovvero l’uso di action songs e story-telling drammatizzato.

 

PROGETTI CLIL


La lezione CLIL alla scuola primaria necessita di una attenta strutturazione e pianificazione. Non si tratta semplicemente di spiegare in inglese una materia, bensì di organizzare il contenuto in modo semplice da reperire e ripetere, nonostante un bagaglio linguistico limitato. Non è una sfida semplice, ma molto stimolante.

Gli studi condotti dai linguisti pionieri del CLIL dimostrano infatti che non basta immergere gli studenti nella lingua per ottenere automaticamente un apprendimento: è necessaria una strategia e una strutturazione perché lo studente registri e memorizzi l’input ricevuto.

Pertanto, la sfida del docente di madrelingua inglese nella lezione CLIL della scuola primaria, è data dal VEICOLARE il contenuto senza mai tradurlo: per superare la barriera linguistica è necessario di servirsi di tutti i dispositivi, risorse e attività a sua disposizione. È compito del docente accompagnare anche il bambino nel lavoro di catalogazione e riutilizzo attivo degli input compresi e memorizzati. 

 

ATTIVITÀ CLIL: inglese alla scuola primaria

La lezione frontale tipicamente determina uno scarso “spazio” nel quale lo studente si possa esercitare.

Per questo, in linea con il metodo comunicativo, la lezione CLIL nella scuola primaria non è mai frontale, ma laboratoriale.

In particolare, tutta l’attività si sviluppa attorno a un compito concreto che coinvolge gli alunni in prima persona.

La task-based methodology è la risposta alla necessità di elaborare proposte di attività che motivino l’uso "reale" e immediato della lingua straniera.La lezione di CLIL nella scuola primaria è un concentrato di didattica per progetti, guidati dall'insegnante ma gestiti dai bambini, in un’ottica di cooperazione e lavoro di squadra.

La didattica per progetti è estremamente entusiasmante. Inoltre, in linea con il principio dell’imparare facendo (Learning by doing), questa metodologia offre moltissimo in termini di motivazione. I bambini si trovano a comprendere, sul campo, che la lingua non è una materia, bensì uno strumento di comunicazione ed espressione.

Desiderate portare il CLIL nella vostra scuola primaria? Compilate il box informazioni per essere contattati. Possiamo organizzare dimostrazioni nella vostra scuola e redigere progetti ad hoc.



Condividi:

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.