Blog

Vacanze Studio in Inghilterra: vieni a conoscere il Tutor!

Evento informativo: quante ne sai sull'Inghilterra?

Siete tutti invitati il 24 di febbraio alle ore 15.00 per il nostro evento informativo sulle vacanze studio in Inghilterra organizzate da Open Minds per le date 29 giugno-13 Luglio 2018! Conosceremo David, il tutor madrelingua che accompagnerà i ragazzi a Petersfield, e cercheremo di giocare insieme per approfondire in modo leggero alcuni aspetti culturali (oltre che linguistici) della Vita in Inghilterra.

Ciò che vogliamo farvi scoprire in queste vacanze è la vera Inghilterra, quella che a Londra ormai si fa fatica a trovare.

La vera Inghilterra si trova appena fuori dalle grandi città, e può sorprenderci. Gli inglesi "isolani" hanno ancora caratteristiche e abitudini non uguali alle nostre, che è interssante e piacevole scoprire (e che è importante considerare per instaurare una buona comunicazione con loro!). Ma non solo: ci sono per esempio dolci e snack che noi non abbiamo mai visto arrivare in Italia, e che sono estremamente comuni. Gli orari sono diversi e anche la distribuzione dei pasti. L'etichetta è assai importante, e anche una certa formalità.

Per finire, io solo in Inghilterra ho visto le teiere con il golfino!

scalda teiera lana

Un incontro per scoprire giocando le differenze tra Italiani e Inglesi

Abbiamo pensato di creare alcune attività ludiche (un piccolo quiz a premi) per illustrare e celebrare le differenze tra Inglesi e Italiani...ovviamnete si prevedono anche dei premi (molto, molto inglesi!)

Vi anticipiamo qualche aspetto che salta all'occhio;-)

  • Scuola: i ragazzi inglesi portano la divisa, in Italia è molto rara. I ragazzi inglesi, a differenza di quelli italiani, non hanno compiti al pomeriggio. I ragazzi inglesi vanno a scuola fino a luglio inoltrato, ma hanno più soste durante l'anno (half terms). Alle superiori, hanno una organizzazione che ricorda più la nostra università che le nostre scuole secondarie. Ci sono grandi scuole con tutti gli insegnamenti ed indirizzi, ma ogni ragazzo può costruire un piano di studio individualizzato. L'Università comincia un anno prima.
  • La scuola può essere, a partire dagli 11 anni, una boarding school. Vi ricordate di Harry Potter, che  quando va a Hogwarts resta a scuola tutto l'anno, tornando a casa solo per le vacanze? Ecco, mica lo fanno solo i maghi. Molte scuole private e prestigiose sono boarding schools, ovvero (come diremmo noi) collegi. Ora questa forma di scuola è meno diffusa di un tempo, anche perchè piuttosto cara, ma  resta una esperienza normale: vedrete che in Inghilterra conoscerete almeno una persona che ha frequentato una boarding school.
  • La scuola è quasi una costante nelle conversazioni degli adulti inglesi. Ogni scuola ha un rating di qualità esplicito e visibnile non solo sol sito del minstero dell'educazione, ma persino sui siti come RightMove (dedicati alla compravendita di case): le case nel bacino di utenza di buone scuole possono valere fino al 20% di case che stanno nel bacino di utenza di scuole pessime e mediocri. Ci sono scuole statali e religiose (perlopiù anglocane, ma sono bene rappresentate anche le scuole cattoliche e di altre religioni). Lo stato dà dei contributi alle scuole religiose, in modo che siano gratuite per gli utenti (rientrano nella categoria delle scuole pubbliche anche se sono rette da istituzioni religiose). Ci sono oltre a queste altre scuole private, che invece sono a pagamento e molto care. tra una scuola e l'altra ci può essere a livello di programma una forte varietà.colazione inglese
  • Abitudini alimentari: non tutte le mattine gli inglesi si sparano uova e salsiccia (e fagili, funghi e pomodori alla griglia....ovvero la mitica Full English Breakfast), ma in generale le colazioni inglesi sono assai più ricche delle nostre. Durante la settimana, se non c'è tempo per la Full-English, di solito i ragazzi mangiano i corn flakes (che si chiamano cereals), yogurt, magari un uovo in cui pucciano fette di tost tagliate per il lungo, detti "soldiers" :soldatini ("Eggs and Soldiers").
  • A mezzogiorno si mangia poco: di solito un tramezzino al volo e una insalata. I ragazzi possono portare a scuola un packed-lunch (di solito un panino e uno snack, spesso sono patatine)
  • Il pranzo serale si consuma presto e spesso è definiton"Tea". Con questa parola gli inglesi definiscono un vero e proprio pasto (soprattutto per i bambini, che dopo il "Tea" tipicamente fanno il bagno e poi vanno a letto. Gli adulti spesso hanno cena separata.
  • Venendo al tè vero e proprio (quindi non il succedaneo della cena, ma il break pomeridiano, che è tuttora un rito apprezzato ed un modo normale di intrattenere degli ospiti a casa), giova sapere che di solito in Inghilterra si beve con il latte. Tuttavia, se non lo apprezzate potete chiedere il "lemon tea", ovvero al limone. Il caffè è ovviamente pure diffuso, ma non la moka (troverete più facilmente la versione solubile. Il tè può essere servito con tramezzini dolci e salati (per esempio, il tramezzino al cetriolo....un abbinamento che non avrei mai immaginato fino a quando non lo ho visto nel mio piatto...è assolutamente tradizionale, le origini del "cucumber sandwich" risalgono all'età vittoriana)
  • Orari: tutto è spostato verso il "presto". Non si sta mai in ufficio fino a a tardi (ovviamente ciò non vale per Londra), si cena presto e ci si corica prima di quanto non siamo abituati qui in Italia. Questo può apparire strano d'estate a noi italiani, perchè c'è chiarore fino alle 10 e oltre alla sera. Una delle cose che si possono trovare oggettivamente difficili è prendere sonno: non ci sono tapparelle e la luce (sole che durante la stagione estiva tramonta tardi e sorge presto) è filtrata solo dalle tende.La scuola comincia verso le 8.45-9.00 quindi al mattino c'è più tempo per la colazione.
  • Trasporti: si guida al contrario, quindi OCCHIO quando dovete attraversare la strada, perchè le macchine arrivano dalla partre oppposta da cui ve la aspettate! Può essere difficile abituarsi e anche un pericoloso se non ci fate caso. ma potet consolarvi guardando cosa è successo alla famiglia di peppa Pig quando papà pig ha dovuto guidare in Italia (sotto la puntata dedicata alle vacanze in Italia di Peppa: Papà Pig comincia a guidare dal minuto 1:20 circa)
  • Case: le case sono organizzate diversamente dalle nostre. La zona notte di solito è al primo o secondo piano (se esiste), mentre la zona giorno sta al pianterreno. Le spine sono diverse dalle nostre, quindi portate un adattatore. Inoltre, vanno attivate accendendo un interruttore. I bagni sono separati: se dite Bathroom un inglese capisce il lovale co  la vasca, che è distinto dal locale con i servizi igienici ("The loo"). Vi consiglio questo video spassosissimo, scoprirete perchè in bagno la luce si accende tirando una corda e perchè spesso ci si ustiona lavandosi le mani!
    .
  • Cortesia: gli inglesi sono cortesi e formali, più di noi. per dire sì, preferite la formula "Yes, Please" e per dire no "No, Thank you". Salutate sempre. E' considerato estremamente rude evitare i convenevoli. Se vi chiedono Hi, How are you? Rispondete , ringraziate per la domanda e possibilmente interessatevi del vostro interlocutore:"Fine, thanks. And You?". Se vi fanno una richiesta a cui volete rispondere di no, non siate troppo diretti nel diniego: un "no" secco è considerato  maleducato, almeno anteponete "I am afraid..."
  • Humor: l'umorismo inglese è per definizione  feddo, elegante e sarcastico. Non è sempre immediato per uno straniero, perchè l'elemento sarcastico include la conoscenza di alcuni elementi culturali che possono sfuggire a chi non abita in Inghilterra. Ripagateli con la loro stessa moneta: sorridete acidamente, anche se non siete certi di avere colto tutte le implicazioni.
  • Senso di ordine e gerarchia: è innegabile che gli inglesi abbiano un senso di ordine e gerarchia più saldamente inclulcato del nostro. Purtroppo gli italiani possono apparire un po' rudi e sopra le righe in Inghilterra: troppo rumorosi (specie i bambini: noterete che l'educazione inglese incluca da piccolissimi una serie di norme piuttosto severe, per cui i bambini raramente "si sentono"), troppo diretti nel parlare, magari incapaci di fare bene la fila (si dice che un inglese è capace di fare la fila anche da solo!). La società è più gerarchizzata della nostra, con una più visibile distanza tra le classi sociali: una educazione rigida ed un comportamento ordinato è associato alle classi più alte ed educate.
  • Religione: la religione maggiormente diffusa è quella anglicana. Nel nord dell'Inghilterra ed in Scozia, invece la religione maggiormente diffusa è quella cattolica. Nella religione anglicana i preti (pastori) possono essere sposati ed avere famiglia, anche una donna può essere pastore ed officiare la messa. Le comunità anglicane nei piccoli paesi sono molto forti e la vita religiosa è percepibile nella vita di paese.
  • Lingua: si fa presto a dire inglese! Come da noi in Italia, la lingua può essere modulata in diversi accenti. lei è bravissima quindi godetevi il video sotto

Ho dimenticato qualche cosa?

Forse qualche altra idea la trovata qui:

Ne possiamo parlare il 24 di febbraio (prenotazione gradita al numero 02671658091), in cui assieme a David cercheremo di indovinare altre curiosità e differenze tra Italiani ed Inglesi!

Ci sarà anche un gioco a premi!

Quali saranno i premi? mah, vedremo....qualche cosa di inglese. Chi è curioso intanto può curiosare il video sottostante per una ispiraziobe.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.