Blog

Insegnare le stagioni in inglese

Lesson plan per la scuola primaria

Insegnare le stagioni in inglese

corsi inglese milanoVi proponiamo un altro articolo della maestra Mary, una delle nostre insegnanti che lavora in svariate scuole a Milano come lettrice madrelingua e che inoltre cura numerose lezioni private a domicilio.

"Una delle raccomandazioni che più caldamente si possono fare ad un insegnante è di scegliere attentamente la giusta sequenza di argomenti, in modo da correlare tra di loro i topics. Le stagioni sono un esempio molto calzante, perchè è facile da correlare con il tempo atmosferico, con gli aggettivi che riguardano la temperatura ("It is hot!", "It's cold!") e con i vestiti.

E' bene tenere a mente che in ogni lezioni possono essere introdotti circa 5 nuovi vocaboli, e che si deve dedicare del tempo alla revisione dei vocaboli delle lezioni precedenti In questo modo, bisogna creare giochi per permettano ai bambini di usare le parole imparate nella leizone della scorsa settimana insieme con i nuovi termini.

In questo articolo facio degli esempi di giochi per la classe 1 media, ma si possono adattare bene anche a bambini più piccoli. Il livello di riferimento è A1/A2.

OBIETTIVO:

- Insegnare ai bambini il vocabolario fondamentale relativo alle 4 stagioni

- Classificare i vestiti a seconda della stagione in cui servono, collegandoli con le sensazioni di "caldo" e "freddo"


•SVOLGIMENTO

 Introduzione alle 4 stagioni. Si possono uare poster o flashcards che illustrino chiaramente la stagione, as esempio io stessa ho disegnato un cartellone diviso in 4 quadranti

insegnare stagioni in inglese

  • Albero fiorito, con cielo azzurro (primavera)
  • Albero con frutti ed un grande sole (estate)
  • Albero con poche foglie secche e foglie che cadono. Cielo nuvoloso (autunno)
  • Albero spoglio, neve (inverno)

A seconda del livello di inglese dei bambini, potete chieder loro di riconoscere le stagioni e di descrivere le immagini disegnate che le rappresentano, oppure potete anche farvi aiutare dai bambini a disegnare i 4 alberi.

Per esempio, con bambini più piccoli, io avevo preparato tanti bigliettini, sui quali erano scritti gli elementi che caratterizzavano ogni albero ("flowers", "fruits","hot sun", e loro mano a mano che pescavano i bigliettini riconoscevano la stagione e disegnavano nel quadrante giusto l'elemento che avevano pescato. In questo modo abbiamo anche fatto un bel ripasso di alcuni termini fondamentali come "leaves"" green" "yellow and read", "snow" etc...)

Con i ragazzi delle medie avevamo anche provato a cantare questa canzone, che ha un andamento "pop" che piace più delle classiche canzoncine per bambini . Io con i ragazzi di prima media la ho sperimentata con successo!




Invece questa che vi posto sotto è una canzoncina che va benissimo dall'asilo alla terza elementare! Lui è Matt di Dream English, un bellissimo sito da cui si possono scaricare tantissime canzoni didattiche con le flashcards correlate. Alcune sono a pagamento, ma molte sono offerte gratuitamente. Se non lo conoscete andate a curiosare su questo sito, perchè davvero offre centinaia di ottime risorse!



GIOCHI PER INSEGNARE LE STAGIONI

Ora possiamo passare a fare un gioco, che è un ottimo esercizio per ricordare i nomi delle stagioni. In 1 media non è sempre necessario, ma alla scuola primaria invece è stato molto utile. Questo gioco è un po' uno scaccia pensieri, lo faccio anche alla materna. I bambini imparano o ripassano anche l'orologio, in questa versione più sofisticata.

Il gioco si fa in piedi (io se posso cerco di tenere spesso i miei studenti in piedi: stanno seduti tutt il giorno e hanno bisogno di muoversi! Dopo il gioco sono più proponesi ad imparare!), tutti in cerchio. Il gioco è basato su un codice:

insegnare le stagioni in inglese

SPRING = braccia  in alto ("hands up at12 o'clock")

SUMMER = braccia allargate ("hands at 3 and 9 o' clock")

AUTUMN = braccia in basso (hands at 6 o' clock)

WINTER = braccia allargate ("hands at 3 and 9 o' clock")

Una volta imparato il codice, si gioca a Simon says. Il conduttore dice "Winter" (ad esempio) e i bambini devono ricordarsi di allargare le braccia. L'elemento divertente è la velocità e le "finte" naturalmente.

 

 

 

Un altro gioco che si può fare per insegnare i nomi delle stagioni è il pictionary.

Si dividono i bambini in coppie o squadre. In ogni coppia o squadra, uno disegna e gli altri devono indovinare la stagione cui si riferisce il suo disegno. Per esempio, uno può disegnare una spiaggia e gli altri devono indinare che si riferisce all'estate.

Per complicare il gioco, tuttavia, si possono inserire i disegni taboo. Basta fare dei bigliettini come questo che vedete sotto. Chi pesca questo bigliettino sa che deve disegnare qualche cosa che faccia capire ai suoi compagi che sta rappresentando l'estate, ma che non può utilizzare né il sole, né il mare, né gli occhiali da sole!

insegnare estiti in inglese

 

 STAGIONI, TEMPERATURA E VESTITI: CANZONI PER INSEGNARLI

 Le canzoni vanno sempre bene per insegnare, perché sono ritmate, hanno le rime e le ripetizioni e tutti tendono ad impararle ma attenzione all'età.

Con i piccolini le canzoncine vanno benissimo! ma dopo i 7 anni è difficile proporre le canzoncine da piccoli in classe.

Allora vi faccio diversi esempi di canzoni che possono andare bene, divise per età.

Con i piccoli ( dalla scuola materna ala seconda elementare) queste canzoni che vi ho segnalato in un articolo di qualche tempo fa vanno benissimo.

Con i più grandi, ci sono svariate canzoni pop che vanno bene: basta sceglierle facili e ritmate. E' anche alle volte c'è un po' da purgare il testo ;-), ma diciamo che ci si può concentrare sul ritornello, e potrete essere certi che lo impareranno al volo.

Per il freddo il caldo e i vestiti a me vengono in mente due canzoni che vano benissimo per ragazzini, e sono:

SWEATER WEATHER dei Neighbourood (un gruppo americano per giovanissimi). E' un po' difficile, ma ci si può concentrare su alcune parti più semplici.

 e HOT and COLD di Katy Perry, che sicuramente tutti conoscono. Questa canzone ha dentro una parolaccia proprio all'inizio, glissate! ma poi è fantastica per insegnare gli opposti!

 

 

LIBRO: STAGIONI  E VESTITI

 

 

Vedi qui sopra il nostro libro delle stagioni. Basta fare una copertina di cartoncino colorato e dentro inserire alcuni fogli fissati con la pinzatrice. In realtà ci sono molte maniere per fare libretti, anche senza altro materiale che la semplice carta, sotto vi posto un'idea.

Naturalmente a me serve un libretto con pagine più grandi, ma partento da un foglio più grande come un A3 viene benissimo.

Abbiamo disegnato su ogni pagina del libretto scene che rappresentano le stagioni, un po' come se fossero dei capitoli. Quidi sul libretto avevo il capitolo SPRING, alcune pagine bianche, poi il capitolo SUMMER, alcune pagine bianche, il capitolo FALL, alcune pagine bianche...e così via.

Che fare sulle pagine bianche?

Un'idea è incollarci i vestititi!

Si possono disegnare  trovare in rete disegni di vestiti: maglioni, occhiali da sole, ciabatte di plastica, impermeabile. I bambini più piccoli possono ritagliare le figure dei vestiti ed incollarle nelle pagine bianche, avendo la cura di scegliere il capitolo dell'estate per il costume e il capitolo dell'inverno per la giacca a vento.

Io a lezione normalmente porto anche alcuni vestiti, per far fare loro questo gioco dal vero. Porto gli occhiali da sole, un ombrello, un maglione. Chiedo loro di portare un indumento ciascuno. Impariamo i nomi dei vestititi usando i vestiti veri e facendo dal vero una valigia per il mare e una per la montagna. 




Se volete insegnare i vestiti per il freddo ed il caldo, potete usare anche video abbastanza accattivanti e certo molto semplici come questo che vi propongo

Spero che vi siano piaciute queste idee e che vi tornino utili per costruire i vostri lesson plan!

Ciao!

corsi inglese milano



Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.